Cibi Antiossidanti - Sifa Formazione

Cibi Antiossidanti

Cibi Antiossidanti
7 Ottobre 2021 Fabrizio D'Agostino
In Blog, Nutrizione

Il termine antiossidante, con riferimento ai cibi, riguarda più che altro gli elementi che li compongono, in particolare i composti fitochimici, le vitamine e i minerali. La ricerca ha dimostrato ampiamente che questi elementi svolgono una funzione protettiva contro l’azione dei radicali liberi, contrastando così i processi di ossidazione alla base dell’invecchiamento cellulare.

Tramite i processi di invecchiamento cellulare infatti la pelle perde di lucentezza ed elasticità, la vista perde di potenza, si danneggiano le cellule nervose del cervello favorendo l’insorgenza di malattie, aumenta il rischio di malattie coronariche e viene favorita l’infiammazione sistemica.

Quali sono però i cibi più anti-ossidanti?

Spezie, frutta secca, come le noci, le mandorle, i pistacchi, gli anacardi, la macadamia, gli arachidi e le nocciole e frutti come i frutti di bosco sono ricchi di antiossidanti. I frutti di bosco si consumano poco rispetto ad altri frutti, nonostante la grande varietà. Tra questi vincono senz’altro i mirtilli.

La frutta antiossidante

La frutta è una fonte fondamentale di antiossidanti:

  • pesche
  • uva rossa
  • anguria
  • mango
  • ciliegie
  • albicocche
  • papaia
  • melone

Conviene sempre alternare e rimanere vigili sui consumi di zuccheri in quanto il fruttosio in eccesso può generare un sovraccarico nel lavoro del fegato e alzare l’indice glicemico.

I frutti di bosco come lamponi, il già citato mirtillo, le more, il ribes, i lamponi, le fragoline, l’uva spina. E con essi il gelso, il sambuco, il mirto.

Succhi di banane, melograno, pompelmo, mela forniscono un buon contributo di queste sostanze e possono essere bevuti al mattino, come accompagnamento alla colazione (un bicchiere in alternativa alla classica spremuta d’arancia pur sempre valida).

Le verdure

Dal punto di vista delle verdure e degli ortaggi, l’attenzione viene posta normalmente sulle verdure crucifere. Ma non è tutto:

  • Broccoli
  • Carote
  • Spinaci
  • Carciofi
  • Cavoli
  • Zucche
  • Zucchine
  • Cavolini di Bruxelles
  • Asparagi
  • Patate
  • Patate dolci
  • Lattuga, crescione e altre verdure da insalata

Nel campo degli ortaggi, il pomodoro può essere considerato il migliore grazie alla presenza del licopene. Discorso analogo può essere fatto per tutti i legumi, che essendo principalmente dei carboidrati dovrebbero svolgere una funzione sostitutiva al consumo di pane e di pasta (meglio se integrali, come tutti i cereali).

Spezie ed erbette

Tornando alle spezie:

  • origano
  • peperoncino rosso di Cayenne
  • pepe nero
  • paprica
  • zenzero
  • curcuma
  • cumino

E con esse i classici condimenti vegetali, anche a base di erbette, a cui vengono riconosciuti dei benefici terapeutici:

  • aglio
  • cipolla
  • prezzemolo
  • basilico
  • timo
  • rosmarino
  • menta
  • salvia
  • maggiorana
  • dragoncello

Le spezie e le erbette, oltre a contenere flavonoidi e fitonutrienti, con specifiche funzioni antiossidante e antinfiammatoria, assolvono al compito di tamponare l’eccesso di consumo di sale, indirizzando la propria dieta verso un regime equilibrato, potenziativo, che protegge l’apparato cardiocircolatorio e tiene sotto controllo la pressione sanguigna.

AUTORE
Dott. Fabrizio D’Agostino

  • Laureato in Scienze Motorie
  • Laureato in Biotecnologie per la salute
  • Laurea specialistica in Scienze della Nutrizione Umana
  • Master in Dietetica Applicata allo Stile di Vita: dalla Sedentarietà all’Attività Sportiva
  • Presidente della SIFA (Società Italiana Fitness e Alimentazione)
  • Ideatore del software per l’allenamento Fitnessplay.net 
  • Ideatore del software nutrizionale Sifadieta.com

Comments (0)

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Call Now Button