CIBI INTEGRALI: PRO e CONTRO - Sifa Formazione

CIBI INTEGRALI: PRO e CONTRO

CIBI INTEGRALI: PRO e CONTRO
1 Ottobre 2021 Fabrizio D'Agostino
In Blog, Nutrizione

Introduzione

“ Ho iniziato a mangiare sano infatti ho comprato la pasta integrale”
“ Tu prendi la pizza integrale perché sei a dieta”

Quante volte sono state dette o sentite frasi così?
Ma quando un prodotto è davvero integrale? Capiamolo insieme.

Al momento della raccolta i cereali sono composti da tre parti:

  • la crusca esterna che contiene cellulosa, vitamine e sali minerali;
  • l’endosperma, che contiene principalmente carboidrati;
  • il germe, la parte più interna e ricca di grassi e vitamine.

Un cereale integrale ha tutte le componenti appena citate, mentre un cereale raffinato, a seconda del grado di raffinazione, conserverà solo l’endosperma con la componente amidacea, perdendo crusca e germe, e sarà perciò più facilmente lavorabile e stabile per la produzione alimentare.

Ovviamente mangiare cibi integrali fa bene, ma quali sono i veri vantaggi?
Ed esistono degli svantaggi?

I PRO

Il beneficio legato ai cereali integrali è dovuto al quantitativo di fibra contenuto, che ha diverse utilità all’interno del nostro organismo: aumenta la motilità intestinale ed è fonte di nutrimento per i batteri “buoni” del nostro microbiota intestinale. Un minor rischio infatti di mortalità tumorale è stato associato al maggior consumo di cereali integrali, oltre che di verdura e frutta, dove in particolare l’effetto protettivo si è avuto nei confronti dell’incidenza di cancro del colon-retto. O ancora, un apporto ottimale di cereali integrali, verdure, frutta, noci, legumi, pesce, ha mostrato una importante diminuzione del rischio di malattie cardiovascolari.

Cosa ci dicono le linee guida?
I LARN italiano consigliano di consumare almeno 25 g di fibra al giorno provenienti da verdure, frutta e cereali non raffinati.

Perché i cibi integrali sono considerati “ più dietetici”? Hanno meno calorie? No.

La frazione amidacea infatti è la stessa, ma la presenza di fibre e grassi in più determina una maggior sazietà e a parità di energia introdotta. Consumare cereali integrali aumenta la qualità della nostra alimentazione, permettendo un maggior equilibrio e controllo del peso, grazie al più alto quantitativo di vitamine, minerali e acidi grassi essenziali. Ci vuole comunque equilibrio perché anche troppe fibre non vanno bene.

I CONTRO

Nei cibi integrali, infatti, la presenza di alcuni antinutrienti come l’acido fitico e i tannini, limita l’assorbimento di sali minerali e proteine presenti negli altri cibi e questo è un fattore negativo.

In alcuni casi il problema, invece, può essere di salute: ci sono purtroppo delle situazioni in cui l’introduzione di fibra nella dieta spesso non è conveniente, come in caso di intestino irritabile e malattie intestinali, in studio quanto le fibre sono una frazione non digeribile. Ecco perché l’alimentazione deve essere personalizzata.

AUTORE
Dott. Fabrizio D’Agostino

  • Laureato in Scienze Motorie
  • Laureato in Biotecnologie per la salute
  • Laurea specialistica in Scienze della Nutrizione Umana
  • Master in Dietetica Applicata allo Stile di Vita: dalla Sedentarietà all’Attività Sportiva
  • Presidente della SIFA (Società Italiana Fitness e Alimentazione)
  • Ideatore del software per l’allenamento Fitnessplay.net 
  • Ideatore del software nutrizionale Sifadieta.com

 

Bibliografia e sitografia

Schwingshackl L, Schwedhelm C, Galbete C, Hoffmann G. Adherence to Mediterranean Diet and Risk of Cancer: An Updated Systematic Review and Meta-Analysis. Nutrients. 2017 Sep 26;9(10):1063. doi: 10.3390/nu9101063. PMID: 28954418; PMCID: PMC5691680.

Bechthold A, Boeing H, Schwedhelm C, Hoffmann G, Knüppel S, Iqbal K, De Henauw S, Michels N, Devleesschauwer B, Schlesinger S, Schwingshackl L. Food groups and risk of coronary heart disease, stroke and heart failure: A systematic review and dose-response meta-analysis of prospective studies. Crit Rev Food Sci Nutr. 2019;59(7):1071-1090. doi: 10.1080/10408398.2017.1392288. Epub 2017 Nov 7. PMID: 29039970.

Ndanuko RN, Tapsell LC, Charlton KE, Neale EP, Batterham MJ. Dietary Patterns and Blood Pressure in Adults: A Systematic Review and Meta-Analysis of Randomized Controlled Trials. Adv Nutr. 2016 Jan 15;7(1):76-89. doi: 10.3945/an.115.009753. PMID: 26773016; PMCID: PMC4717885.

Schlesinger S, Neuenschwander M, Schwedhelm C, Hoffmann G, Bechthold A, Boeing H, Schwingshackl L. Food Groups and Risk of Overweight, Obesity, and Weight Gain: A Systematic Review and Dose-Response Meta-Analysis of Prospective Studies. Adv Nutr. 2019 Mar 1;10(2):205-218. doi: 10.1093/advances/nmy092. PMID: 30801613; PMCID: PMC6416048.

LARN, https://sinu.it

Comments (0)

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Call Now Button