Tessuto adiposo: un organo multifunzionale - Sifa Formazione

Tessuto adiposo: un organo multifunzionale

Tessuto adiposo: un organo multifunzionale
19 Novembre 2021 Fabrizio D'Agostino
In Uncategorized

Il tessuto adiposo bianco contiene, oltre ad adipociti maturi pieni di acidi grassi, un ampio pool di cellule mesenchimali pluripotenti e di pre-adipociti, pronti a maturare sotto stimolo appropriato.

Il bilancio energetico positivo determina un aumento del peso corporeo, inizialmente per iperplasia degli adipociti maturi presenti nel tessuto adiposo; una volta che queste cellule raggiungono un volume critico, con meccanismi ancora non noti, viene stimolata la differenziazione dei precursori ad adipociti maturi.

Il volume sembra avere un ruolo chiave nella funzione cellulare; così gli adipociti ipertrofici, che si rilevano più frequentemente nell’adipe viscerale, hanno una diversa espressione genica, sono meno sensibili agli effetti metabolici dell’insulina e hanno una maggiore attività lipolitica rispetto alle cellule più piccole .

Oltre agli adipociti maturi e ai loro precursori, il tessuto adiposo contiene cellule endoteliali, cellule nervose e cellule immunitarie; queste ultime stanno assumendo particolare interesse da quando è stato attribuito all’attivazione flogistica un ruolo non secondario nello sviluppo dei disordini correlati all’obesità. Già nel 1993 era stata segnalata la produzione di fattore di necrosi tumorale ad opera del tessuto adiposo bianco . Più recentemente si è dimostrato che l’obesità si associa ad accumulo di macrofagi nel tessuto adiposo e che questi partecipano alla secrezione di citochine proinfiammatorie, contribuendo allo stato di insulino-resistenza proprio dell’obesità . Negli ultimi anni sono stati individuati e caratterizzati un gran numero di prodotti del tessuto adiposo; molti di questi sono determinanti per la comprensione dei rap- porti esistenti fra obesità centrale, patologia cardiovascolare, dislipidemia, diabete di tipo 2 e flogosi sistemica. Si è anche definito il ruolo fondamentale del tessuto adiposo nella produzione di complessi segnali che regolano i rapporti fra gli organi che sono coinvolti nell’ omeostasi energetica, la sensibilità all’ insulina, il metabolismo lipidico e il sistema immunitario. È chiaro che l’alterata espressione e secrezione di adipochine, che si verifica nell’obesità, specie se addominale, de- termina importanti alterazioni circolatorie e metaboliche; dobbiamo tuttavia ancora individuare quali, fra la moltitudine dei prodotti e dei loro effetti, sono fisiologicamente più importanti e quali si possono prestare a modulazione farmacologica. In ogni caso, i progressi nella conoscenza della biologia dell’adipocita ci consentono di ampliare le funzioni attribuite al tessuto adiposo che, da mero deposito dell’eccesso di energia, assume la dignità di un organo multifunzionale, con un ruolo centrale nella genesi delle malattie cardiovascolari e della sindrome metabolica.

È ampiamente dimostrato che l’obesità centrale conferisce un maggiore rischio cardiometabolico rispetto all’obesità periferica. Sebbene i motivi che determinano questo diverso rischio non siano ancora del tutto definiti, i profili di espressione genetica e i prodotti secreti dal grasso viscerale si dimostrano più proaterogeni di quelli del grasso periferico sottocutaneo. Il tessuto adiposo, infatti, non è più considerato alla stregua di un semplice deposito di energia, ma un organo endocrino e secretorio, che, oltre ad acidi grassi e altri prodotti lipidici, rilascia un’ampia gamma di segnali e fattori proteici, chiamati adipochine. Questi fattori di derivazione adipocitaria e non adipocitaria includono proteine, metaboliti e ormoni e sembrano essere implicati nell’associazione fra obesità centrale, patologia cardiovascolare e comorbilità come sindrome metabolica, diabete di tipo 2 e flogosi sistemica.

Bibliografia 

Gabriele Bittolo Bon. Il tessuto adiposo come organo multifunzionale- U.O. di Medicina Interna, Dipartimento di Medicina Clinica, Ospedale Umberto I, Mestre-Venezia.

Comments (0)

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Call Now Button