Semi di chia: grandi benefici dentro piccoli semi - Sifa Formazione

Semi di chia: grandi benefici dentro piccoli semi

Semi di chia: grandi benefici dentro piccoli semi
28 Ottobre 2020 Fabrizio D'Agostino
In Blog, Nutrizione

I semi di Chia sono gli straordinari frutti che ci regala, ormai da secoli, una pianta originaria del Guatemala e del Messico e che oggi è coltivata in gran parte dell’America Meridionale: la Selva Hispanica, meglio conosciuta come “pianta della Chia”. Già gli Aztechi utilizzavano questi piccoli semi per avere energia, resistenza e forza durante le loro battaglie, oltre che come rimedio per infiammazioni e infezioni, e pare che le popolazioni precolombiane erano solite offrirli agli dei nelle cerimonie religiose; una sorta di “dono prezioso” dunque. Il perché di ciò è da ricercare nelle loro formidabili proprietà nutrizionali.

 

Proprietà nutrizionali

I semi di chia infatti sono poveri di carboidrati ma sono ricchi di proteine (19%) e lipidi (31%). Particolarmente rilevante ai fini dei conclamati benefici ad essi connessi è proprio la componente lipidica, nello specifico per quel che riguarda gli acidi grassi poliinsaturi essenziali (PUFA): alto infatti è il contenuto di omega-3 (20%) e di omega-6 (5%), con una prevalenza dei primi, purtroppo spesso carenti nell’alimentazione occidentale ma fondamentali perché in grado di ridurre il rischio di malattie coronariche, i fenomeni infiammatori e di conseguenza il rischio di ipertensione, diabete e malattie autoimmuni. Per quel che riguarda i micronutrienti, i semi di chia sono particolarmente ricchi di vitamine, quali riboflavina, niacina e tiamina, e di minerali, come il calcio (455 g/100 g di prodotto), il fosforo (585 g/100 g di prodotto), il potassio (585 g/100 g di prodotto), il magnesio (340 g /100 g di prodotto) e il ferro (8,54 g/100 g di prodotto). Degno di nota, come si può vedere, è il contenuto di calcio, addirittura maggiore rispetto a quello del latte. A tal proposito, uno studio ha mostrato come ratti, supplementati per un periodo pari a 13 mesi con un 10% di semi di chia, abbiano guadagnato un contenuto minerale osseo maggiore e una migliore morfologia epatocitaria rispetto a ratti nutriti con un’isocalorica convenzionale. Inoltre, i semi di chia contengono anche acidi fenolici (acido rosmarinico, in particolare) e flavonoidi, composti ad azione antiossidante, e una buona quota, di gran lunga maggiore rispetto ad altri semi come la quinoa o l’amaranto, di fibra alimentare (35%). Quest’ultima è principalmente insolubile ed è perciò in grado di assorbire e trattenere acqua, con conseguente aumento della massa fecale, accelerazione del transito intestinale. Di qui, le funzionalità anti-stipsi e regolatrici della funzione intestinale spesso associate ai semi di chia.

 

Usi dei semi di chia: evidenze nei prodotti gluten-free

Il consumo dei semi di chia è aumentato in maniera significativa negli ultimi anni, complici i benefici per la salute dell’organismo ad essi associati e i loro valori nutrizionali. Da essi inoltre può perfino essere estratto un olio, spesso utilizzato per la produzione di cosmetici e che è naturalmente ricco in PUFA. Dal punto di vista prettamente alimentare invece, i semi di chia, interi o sotto forma di farina, vengono generalmente aggiunti a yogurt, frutta, insalate oppure vengono utilizzati per preparazioni industriali e dunque per la produzione di pane, granola, bibite, torte, barrette.

 

 

 

Fig. 1: Usi della pianta di chia e prodotti ottenuti dai semi di chia (da Chia Seed (Salvia hispanica L.) as a Source of Proteins and Bioactive Peptides with Health Benefits: A Review, Grancieri M. et al., Wiley Online Library, 2019.)

 

Diversi studi presenti in letteratura hanno dimostrato come addizionare determinati alimenti con questi piccoli semi ne migliori le caratteristiche chimico-fisiche, sia in termini di qualità che di conservazione, le caratteristiche sensoriali e le proprietà nutrizionali. A proposito di quest’ultimo aspetto infatti, è stato visto che nei prodotti da forni la presenza di semi di chia sia in grado di aumentare le concentrazioni di proteine, acidi grassi essenziali, fibre e composti antiossidanti. Di particolare interesse sono gli studi fatti da Sandri et al. (2017) e da Levent H. (2017) a proposito del contenuto di semi di chia nei prodotti gluten-free. Nel primo studio è stato dimostrato come l’uso del 10% di farina di chia nel pane senza glutine ne migliori l’indice di accettabilità, ne aumenti i livelli di lipidi, proteine e fibre e migliori l’elasticità e la viscosità dell’impasto rispetto al semplice pane bianco senza glutine. Nel secondo studio invece gli autori si sono concentrati sulla pasta senza glutine e hanno dimostrato come l’uso del 30% di farina di semi di chia aumenti il contenuto di proteine, grassi e composti fenolici totali di circa due volte, incrementi il contenuto di minerali, calcio e fosforo in particolare, e migliori le caratteristiche organolettiche in termini di sapore e odore rispetto alla pasta senza glutine e senza chia.

 

Benefici per la salute

Molti sono i benefici associati al consumo di semi di chia; essi infatti sembrano avere capacità antiossidante, anticolesterolemica, antipertensiva, ipoglicemica e migliorativa della composizione corporea dei soggetti che li consumano. Nieman et al. (2012) ha condotto un interessante studio randomizzato in doppio cieco su 62 donne sovrappeso e in età postmenopausale (49-75 anni), dividendole in due gruppi: ad uno erano somministrati 25 g al giorno semi di chia, all’altro invece era somministrato un placebo, per un totale di 10 settimane. I risultati sono stati sorprendenti, in termini di colesterolemia: nel primo gruppo infatti si era riscontrato un aumento del 58% di ALA e del 39% di EPA, con conseguente miglioramento dei livelli di colesterolo e di trigliceridi. Inoltre, uno studio condotto da Toscano et al. (2017) su 29 pazienti sovrappeso e ipertesi tra 35 e 65 anni, assegnati casualmente a tre gruppi (CHIA-MD, ipertesi trattati con farmaci ipertesi, CHIANM, ipertesi non trattati, e PLA-MD, placebo) ha dimostrato come la supplementazione di 35 g/die di semi di chia determini sia negli ipertesi trattati che in quelli non trattati una riduzione della pressione arteriosa, della perossidazione lipidica, e quindi dello stress ossidativo, e della FM.

 

Conclusione

I semi di chia e i prodotti da essi derivati sembrano essere particolarmente promettenti per la salute umana, in termini di miglioramento di vari parametri biologici, primi fra tutti il colesteroloLDL e la pressione arteriosa. Interessante inoltre è la loro addizione a prodotti gluten-free che potrebbe migliorare l’apprezzamento da parte dei soggetti celiaci di questi prodotti che spesso hanno caratteristiche organolettiche e proprietà nutritive non ottimali. Da non sottovalutare anche il contenuto di fibra alimentare e di calcio, in particolar modo per soggetti carenti che potrebbero trarne grandi benefici.

 

AUTORE
Dott. Fabrizio D’Agostino

  • Laureato in Scienze Motorie
  • Laureato in Biotecnologie per la salute
  • Laurea specialistica in Scienze della Nutrizione Umana
  • Master in Dietetica Applicata allo Stile di Vita: dalla Sedentarietà all’Attività Sportiva
  • Presidente della SIFA (Società Italiana Fitness e Alimentazione)
  • Ideatore del software per l’allenamento Fitnessplay.net 
  • Ideatore del software nutrizionale Sifadieta.com

 

Bibliografia

Peptides from chia present antibacterial activity and inhibit cholesterol synthesis, Coelho, M. S et al., Plant Foods for Human Nutrition, 2018.

Chia Seed (Salvia hispanica L.) as a Source of Proteins and Bioactive Peptides with Health Benefits: A Review, Grancieri M. et al., Wiley Online Library, 2019.

Effect of partial substitution of gluten-free flour mixtures with chia (Salvia hispanica L.) flour on quality of gluten-free noodles, Levent H., Journal of Food Science and Technology, 2017.

Chia seed supplementation and disease risk factors in overweight women: A metabolomics investigation, Nieman, D. C, et al., The Journal of Alternative and Complementary Medicine, 2012.

Development of gluten-free bread formulations containing whole chia flour with acceptable sensory properties, Sandri L. T. et al., Food Science & Nutrition, 2017.

Chia flour supplementation reduces blood pressure in hypertensive subjects, Toscano, L. T. et al., Plant Foods for Human Nutrition, 2014.

Comments (0)

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Call Now Button
{"cart_token":"","hash":"","cart_data":""}