Probiotici Estivi: Ruolo e Benefici - Consigli Essenziali

PROBIOTICI: GLI AMICI IN VALIGIA CHE CI PROTEGGONO D’ESTATE

PROBIOTICI: GLI AMICI IN VALIGIA CHE CI PROTEGGONO D’ESTATE
13 Luglio 2022 Fabrizio D'Agostino
In Blog, Fitness, News, Nutrizione

Quando arriva l’estate e si iniziano a programmare le vacanze dobbiamo fare i conti con il cambio di clima e di abitudini alimentari così come possono verificarsi infezioni a causa di cibi o acque contaminati. Questi due fattori (clima diverso e alimentazione diversa) possono generare disturbi gastrointestinali sgradevoli, che potrebbero rovinarci le vacanze. Per evitare questi spiacevoli inconvenienti, è necessario valutare se il binomio “estate e probiotici” funziona. I probiotici svolgono un ruolo molto importante nel rafforzare le difese immunitarie. Ma cosa sono?

Sono microrganismi che rafforzano e riequilibrano il microbiota intestinale. Sono, quindi, batteri “buoni” che una volta ingeriti svolgono funzioni benefiche perché, una volta raggiunto l’intestino, si moltiplicano e rafforzano le difese immunitarie. I probiotici sono organismi vivi, sono batteri ma anche lieviti. Tra i più comuni e familiari ci sono i batteri delle famiglie dei Lattobacilli e dei Bifidobatteri, mentre fra i lieviti ricordiamo il Saccharomyces boulardii.

L’efficacia dei probiotici è ancora oggetto di studio e come sottolinea lo statunitense National Institute of Health, sui probiotici c’è ancora molto da scoprire. La prevenzione della diarrea è uno degli ambiti in cui si sono rivelati più utili. È ciò che accade, per esempio, durante l’assunzione di antibiotici, farmaci che possono aumentare il rischio di feci liquide. I probiotici, in questo caso, possono limitare il rischio. Il National Health Service del Regno Unito sottolinea anche il ruolo dei probiotici nel ridurre gonfiore e flatulenza, caratteristici della sindrome dell’intestino irritabile.

I lactobacilli, in particolare il lactobacillus rhamnosus GG, e i bifidobacteri sono i più comuni per contrastare la diarrea del viaggiatore o la stipsi. Questi probiotici sono utili anche se a una condizione di stress causata dal viaggio si accompagnano delle alterazioni intestinali. Quando si incappa in un’infezione alimentare, il consiglio è invece quello di mettere in valigia un antibiotico non assorbibile. La rifaximina è il più indicato, ma dopo sono sempre importanti i lactobacilli per ripristinare la flora batterica intestinale, scombinata dall’antibiotico. Per problemi più femminili, invece, è dimostrata l’azione positiva del lactobacillus rhamnosus GR-1 e del lactobacillus reuteri RC-14, che sarebbero in grado di potenziare le terapie contro la candida o contro infezioni vaginali, piuttosto frequenti durante il periodo estivo.  Curare o alleviare i disturbi è un bene, ma ancora meglio sarebbe evitarli facendo attenzione alle insidie del periodo estivo, dove i casi di infezioni alimentari triplicano e i motivi sono due: non solo il caldo e l’umido creano un habitat perfetto per la proliferazione dei batteri, ma i cibi vengono anche consumati all’aperto, dove sono esposti alle contaminazioni. A questi fattori si aggiunge quello dei viaggi all’estero, magari in paesi esotici dove i livelli igienici e di sicurezza alimentare non sono ottimali. In questi casi, è all’acqua che bisogna fare più attenzione.

Ma attenzione è necessario ricordare la differenza tra probiotico e prebiotico; cosa cambia?  I probiotici supportano le funzionalità del colon, la produzione di vitamine, difendono l’intestino dall’aggressione di batteri e formano un ambiente sfavorevole alla loro proliferazione. Il Lacrobacillus casei, il Bifidobacterium lactis, e lo Streptococcus thermophilus, sono consigliati prima del viaggio.

prebiotici nutrono i batteri buoni presenti nella flora intestinale, ne favoriscono la vitalità e la proliferazione, stimolano il mantenimento dell’equilibrio tra le varie specie di batteri e prevengono la disbiosi intestinale. Sono utili, quindi, per alimentare, quando ce n’è bisogno, i probiotici.

In conclusione, un intestino sano, con un microbioma in stato di eubiosi è indispensabile per vivere serenamente le vacanze. Quindi sì, il binomio “estate e probiotici” è un buon promemoria per ricordarci di partire preparati.

 

AUTORE

Dott. Fabrizio D’Agostino

  • Laureato in Scienze Motorie
  • Laureato in Biotecnologie per la salute
  • Laurea specialistica in Scienze della Nutrizione Umana
  • Master in Dietetica Applicata allo Stile di Vita: dalla Sedentarietà all’Attività Sportiva
  • Presidente della SIFA (Società Italiana Fitness e Alimentazione)
  • Ideatore del software per l’allenamento Fitnessplay.net
  • Ideatore del software nutrizionale Sifadieta.com

 

BIBLIOGRAFIA

www.Repubblica.it

www.humanitas.it

Comments (0)

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Call Now Button